Verba Volant...Foto Manet

(Roma 24.02.10) Il senatore del Pdl Nicola Di Girolamo nega di aver mai avuto rapporti con la malavita organizzata.
Ma L'Espresso ha trovato le sue immagini amichevoli insieme a un boss della Ndrangheta Franco Pugliese.
Verba Volant, Photo Manent.

Leggi tutto

Bandi ed Opportunità di Fondi

Il Blog delle opportunità provenienti dall'Europa

I bandi saranno inseriti per ordine alfabetico delle aree tematiche e resi disponibili fino al termine utile per la risposta alle offerte.

Area Tematica: Ambiente

LIFE+ Invito a presentare proposte 2012 (2012/C 74/08)

La Commissione invita i soggetti stabiliti nell’Unione europea a presentare proposte per la procedura di selezione LIFE+ del 2012.

Le guide alle domande, contenenti spiegazioni dettagliate sull’ammissibilità e sulle procedure, sono disponibili sul sito web della Commissione all’indirizzo:

http://ec.europa.eu/environment/life/funding/lifeplus.htm

Le proposte possono essere elaborate e presentate solo per mezzo dello strumento di trasmissione online «eProposal». Il collegamento verso eProposal sarà comunicato tempestivamente attraverso il suddetto sito web.

Il presente avviso riguarda i temi seguenti:

1. LIFE+ Natura e biodiversità

Obiettivo principale: proteggere, conservare, ripristinare, monitorare e favorire il funzionamento dei sistemi naturali, degli habitat naturali e della flora e della fauna selvatiche, al fine di arrestare la perdita di

biodiversità, inclusa la diversità delle risorse genetiche, all’interno dell’UE.

2. LIFE+ Politica e governance ambientali

3. LIFE+ Informazione e comunicazione

http://eur-lex.europa.eu/LexUriServ/LexUriServ.do?uri=OJ:C:2012:074:0011:0013:IT:PDF

Scade il 26 settembre 2012

Area Tematica: Cittadinanza europea

Invito a presentare proposte 2011 — Programma «Europa per i cittadini» (2007-2013) Attuazione delle azioni del programma: Cittadini attivi per l’Europa, Società civile attiva in Europa e Memoria europea attiva

http://eur-lex.europa.eu/LexUriServ/LexUriServ.do?uri=OJ:C:2011:364:0015:0020:IT:PDF

Varie scadenze nel 2012

Area Tematica: Concorsi e selezioni

UPubblicazione di un posto di capo analista economico (grado AD 15)

Assunzione di un agente temporaneo ai sensi dell'articolo 2, lettera a), del regime applicabile agli altri agenti Il capo analista economico svolge un ruolo centrale nell'attuazione delle politiche dell'UE in materia di sorveglianza di bilancio: garantisce l'applicazione uniforme delle regole, il follow-up dei metodi analitici e la coerenza con la casistica precedente.

Il posto da ricoprire è a livello di consigliere principale di grado AD 15. Si tratta di un incarico temporaneo

di durata triennale, rinnovabile una volta per due anni al massimo.

A fini amministrativi, il capo analista economico dipende dal vicepresidente responsabile degli Affari economici e monetari e dell'euro e risponde del proprio operato ordinario al capo gabinetto di quest'ultimo.

http://eur-lex.europa.eu/LexUriServ/LexUriServ.do?uri=OJ:C:2012:053A:0001:0004:IT:PDF

Scade il 30 aprile 2012


UFFICIO EUROPEO DI SELEZIONE DEL PERSONALE (EPSO) - BANDO DI CONCORSI GENERALI (2012/C 76/09)

L'Ufficio europeo di selezione del personale (EPSO) organizza i seguenti concorsi generali:

EPSO/AD/230/12 — Amministratori (AD 5) e EPSO/AD/231/12 — Amministratori (AD 7)

nei seguenti settori:

1) amministrazione pubblica europea;

2) diritto;

3) audit;

4) comunicazione;

5) relazioni esterne.

Il bando di concorso è pubblicato nella Gazzetta ufficiale C 76 A del 15 marzo 2012.

Per ulteriori informazioni consultare il sito EPSO http://eu-careers.euIT

http://eur-lex.europa.eu/LexUriServ/LexUriServ.do?uri=OJ:C:2012:076:0012:0012:IT:PDF

http://eur-lex.europa.eu/LexUriServ/LexUriServ.do?uri=OJ:C:2012:076A:0001:0010:IT:PDF

Scade il 17 aprile 2012

Area Tematica: Educazione

Invito a presentare proposte — EACEA/06/12 - Programma «Gioventù in azione»

Azione 3.2 — Gioventù nel mondo: Cooperazione con paesi diversi dai paesi limitrofi all’Unione europea (2012/C 75/04)

Il presente invito a presentare proposte si prefigge di sostenere progetti che promuovano la cooperazione nel settore della gioventù tra i paesi aderenti al programma «Gioventù in azione» e i paesi partner diversi dai paesi limitrofi all’Unione europea (paesi che abbiano firmato con l’Unione europea un accordo nel campo della gioventù). Il presente invito riguarda la concessione di sovvenzioni a progetti.

I destinatari sono le organizzazioni attive nel settore della gioventù interessate alla realizzazione di progetti che promuovano la cooperazione in questo settore e che coinvolgano operatori e animatori socioeducativi, i giovani stessi e altri attori impegnati in organizzazioni e strutture giovanili.

I suoi obiettivi sono i seguenti:

— migliorare la mobilità dei giovani e degli operatori socioeducativi nel settore della gioventù, nonché l’occupabilità dei giovani,

— promuovere la consapevolezza tra i giovani nonché il loro impegno attivo,

— sostenere il potenziamento delle capacità delle organizzazioni e delle strutture giovanili al fine di contribuire allo sviluppo della società civile,

— promuovere la cooperazione e lo scambio di esperienze e di buone prassi nel settore della gioventù e dell’istruzione informale,

— contribuire allo sviluppo delle politiche giovanili, del lavoro nel settore della gioventù e del volontariato; e

— sviluppare partenariati e reti sostenibili fra organizzazioni giovanili.

http://eur-lex.europa.eu/LexUriServ/LexUriServ.do?uri=OJ:C:2012:075:0006:0009:IT:PDF

Scade il 15 maggio 2012

Area Tematica:Formazione

INVITO A PRESENTARE PROPOSTE — EACEA/5/12 – MEDIA 2007 — Sviluppo, distribuzione, promozione e formazione

Il presente bando per proposte si basa sulla decisione n. 1718/2006/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 15 novembre 2006, relativa all’attuazione del programma di sostegno al settore audiovisivo europeo (MEDIA 2007).

Fra le azioni da realizzare in applicazione della decisione summenzionata figura il miglioramento della formazione professionale dei professionisti del settore audiovisivo affinché acquisiscano le conoscenze e le competenze necessarie per creare prodotti competitivi sul mercato europeo e sugli altri mercati.

L'invito a presentare proposte EACEA/5/12 è l'ultimo invito riguardante la formazione continua che verrà pubblicato nell'ambito del programma MEDIA 2007 e prevede una convenzione quadro biennale di partenariato.

Destinatari dell'invito

Il presente invito è rivolto ai candidati appartenenti a una delle categorie sottoindicate, le cui attività contribuiscono allo svolgimento delle azioni suindicate:

  • scuole di cinema e di televisione,
  • università,
  • istituti specializzati in materia di formazione professionale,
  • imprese private del settore audiovisivo,
  • organizzazioni/associazioni professionali specializzate nel settore audiovisivo.

Azioni ammissibili

Per essere ammissibili, le azioni e le loro attività svolte nei paesi MEDIA dovranno essere intese a sviluppare la capacità di futuri professionisti del settore audiovisivo di comprendere e integrare:

una dimensione europea nel proprio lavoro migliorando le competenze nei seguenti campi:

  • formazione nel campo della gestione economica, finanziaria e commerciale,
  • formazione nel campo delle nuove tecnologie audiovisive,
  • formazione nel campo dello sviluppo di progetti di sceneggiature.

La durata massima dei progetti è di 12 mesi.

http://eur-lex.europa.eu/LexUriServ/LexUriServ.do?uri=OJ:C:2012:035:0040:0041:IT:PDF

Scade il 16 aprile 2012

INVITO A PRESENTARE PROPOSTE — N. 28/G/ENT/CIP/12/E/N01C01 – Formazione all'imprenditorialità

Il presente invito ha l'obiettivo di promuovere progetti che presentano un forte valore aggiunto a livello europeo nell'ambito della formazione all'imprenditorialità. Le azioni sono rivolte a insegnanti e giovani nell'insegnamento primario, secondario e superiore.

I progetti che saranno finanziati avranno uno dei seguenti obiettivi (priorità):

Lotto 1

a) Creazione di modelli transeuropei che permettano agli insegnanti delle scuole primarie e secondarie di sviluppare competenze e metodi per introdurre la formazione all'imprenditorialità in diverse materie d'insegnamento e in vari contesti.

b) Concezione, organizzazione e realizzazione di seminari transeuropei per gli insegnanti di imprenditorialità negli istituti d'istruzione superiore (università, scuole di direzione aziendale, facoltà di scienze applicate, ecc.).

Lotto 2

Creazione di una piattaforma europea online per docenti/formatori, che permetta lo scambio transfrontaliero di buone prassi, metodi e materiale didattico nel campo della formazione all'imprenditorialità.

Lotto 3

Sviluppo e sperimentazione di un quadro comune europeo di strumenti e di indicatori per valutare la mentalità, le attitudini e le competenze imprenditoriali acquisite dagli studenti nella formazione all'imprenditorialità.

Le proposte devono perseguire uno degli obiettivi (priorità) sopramenzionati. I candidati devono indicare chiaramente nelle loro proposte per quale lotto intendono candidarsi. Le attività devono presentare un chiaro valore aggiunto europeo e favorire l'integrazione europea e la cooperazione transfrontaliera.

I progetti devono contribuire alla soluzione di un problema che può essere risolto meglio a livello europeo ed alla creazione di nuovi modelli che possano essere adottati in tutta Europa. Deve essere garantita la sostenibilità dei progetti dopo che si sarà concluso il finanziamento dell'UE.

Il testo integrale dell'invito a presentare proposte e i moduli di domanda sono disponibili sul seguente sito: http://ec.europa.eu/enterprise/funding/index.htm

http://eur-lex.europa.eu/LexUriServ/LexUriServ.do?uri=OJ:C:2012:022:0010:0012:IT:PDF

Scade il 16 aprile 2012

 

Invito a presentare proposte — Programma «Erasmus per giovani imprenditori» (2012/C 74/09)

Il presente invito a presentare proposte ha lo scopo di aiutare nuovi imprenditori dei paesi partecipanti ad arricchire le loro esperienze, ad apprendere e a lavorare in rete trascorrendo periodi presso imprese dirette da imprenditori esperti in altri paesi partecipanti. L'obiettivo generale del programma consiste nel rafforzare lo spirito imprenditoriale, l'internazionalizzazione e la competitività di nuovi imprenditori potenziali e micro e piccole imprese di nuova costituzione nei paesi partecipanti. L'attività riguarda le persone che intendono avviare un'attività commerciale e gli imprenditori che hanno da poco avviato l'attività.

Il presente invito mira a promuovere azioni per organizzazioni che gestiscono il programma a livello locale, destinate a rafforzare e ad agevolare la mobilità di nuovi imprenditori.

http://eur-lex.europa.eu/LexUriServ/LexUriServ.do?uri=OJ:C:2012:074:0014:0015:IT:PDF

Scade il 31 maggio 2012

Area Tematica: Istruzione

Invito a presentare proposte — EACEA/42/11 — Programma d’azione Erasmus Mundus 2009-2013 — Attuazione nel 2012

Programma “Erasmus Mundus” 2009-2013. Opportunità di scambi interculturali per studenti e personale accademico europei.

L’Unione Europea ancora una volta è impegnata a promuovere la cooperazione e l’integrazione culturale fra le università e le accademie europee. È stato infatti pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 30 dicembre scorso un invito a presentare proposte nell’ambito del Programma d’azione Erasmus Mundus 2009-2013 — Attuazione nel 2012.

L’invito in questione riguarda in particolare tre azioni:

  1. Programmi congiunti Erasmus Mundus (che mirano a promuovere la cooperazione tra gli istituti d’istruzione superiore e il personale accademico in Europa e nei paesi terzi con l’intenzione di creare poli di eccellenza e di fornire risorse umane con una formazione altamente qualificata e approfondita);
  2. Partenariati Erasmus Mundus (che mirano a promuovere la cooperazione strutturata tra le istituzioni di istruzione superiore europee e dei paesi terzi tramite la promozione della mobilità a tutti i livelli di istruzione per gli studenti (studenti non laureati e master), i dottorandi, i ricercatori, il personale accademico e amministrativo);
  3. Promozione dell’istruzione superiore europea (che mira a promuovere l'istruzione superiore europea attraverso misure che ne aumentano l’attrattiva, il profilo, l’immagine, la visibilità e l’accessibilità).
http://eur-lex.europa.eu/LexUriServ/LexUriServ.do?uri=OJ:C:2011:381:0003:0008:IT:PDF

Scade il 30 aprile 2012

INVITO A PRESENTARE PROPOSTE — EACEA/11/12 – Programma di mobilità accademica INTRA-ACP - Africa (Mwalimu Nyerere) nonché le regioni dei Caraibi e del Pacifico

L’obiettivo del programma è promuovere lo sviluppo sostenibile e l’alleviamento della povertà aumentando la disponibilità di mano d’opera professionale addestrata e qualificata di elevato livello nei paesi africani, dei Caraibi e del Pacifico.

Il programma ha come obiettivo il rafforzamento della collaborazione tra istituti d’istruzione superiore (HEI) in Africa, nei Caraibi e nel Pacifico al fine di aumentare l’accesso alla formazione di qualità che esorterà e permetterà agli studenti di intraprendere studi di perfezionamento e di promuovere il mantenimento degli studenti nella regione assieme alla mobilità del personale (accademico e amministrativo), aumentando allo stesso tempo la competitività e l’attrattiva delle istituzioni.

Candidati ammissibili e composizione del partenariato

I candidati ammissibili e gli istituti d’istruzione superiore (HEI) in Africa, nella regione dei Caraibi e del Pacifico che forniscono corsi d’istruzione superiore al livello della laurea o dottorale, riconosciuti dalle autorità competenti nel loro paese. Sono ammissibili unicamente HEI statali africani, caraibici e della regione del Pacifico approvati dalle autorità nazionali competenti in Africa, nei paesi dei Caraibi e nel Pacifico. Filiali di HEI non appartenenti all’Africa, alla regione dei Caraibi e del Pacifico non sono ammissibili.

Il partenariato verrà costituito tra tre e dodici HEI.

Attività ammissibili e durata

Il progetto coinvolgerà l’identificazione di programmi dottorali e a livello master esistenti di elevata qualità, l'organizzazione e l'attuazione della mobilità degli studenti e del personale a questi livelli di istruzione superiore, la fornitura di istruzione/formazione e altri servizi a studenti stranieri e incarichi di insegnamento/ formazione e ricerca e altri servizi a personale provenienti dal/dai paese/i interessati dal progetto. Le attività devono svolgersi in uno dei paesi ammissibili che rientrano nell’invito a presentare proposte e partecipano al partenariato.

http://eur-lex.europa.eu/LexUriServ/LexUriServ.do?uri=OJ:C:2012:037:0027:0029:IT:PDF

Scade il 16 maggio 2012

Area Tematica: Media

MEDIA 2007 — SVILUPPO, DISTRIBUZIONE, PROMOZIONE E FORMAZIONE

Invito a presentare proposte — EACEA/7/12

Sostegno alla distribuzione transnazionale di film europei — Sistema di sostegno «automatico» 2012.

Il presente avviso di invito a presentare proposte si basa sulla decisione n. 1718/2006/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 15 novembre 2006, relativa all’attuazione di un programma di sostegno al settore audiovisivo europeo (MEDIA 2007)

Uno degli obiettivi del programma è favorire e sostenere una maggiore distribuzione transnazionale di recenti film europei fornendo fondi ai distributori in funzione dei risultati da loro ottenuti sul mercato, per ulteriori reinvestimenti in nuovi film europei non nazionali.

Il sistema mira altresì a promuovere lo sviluppo di collegamenti tra i settori della produzione e della distribuzione aumentando così la quota di mercato dei film europei e la concorrenzialità delle società europee.

http://eur-lex.europa.eu/LexUriServ/LexUriServ.do?uri=OJ:C:2012:060:0009:0011:IT:PDF

Scade il 30 aprile 2012

Area Tematica: Persone

Invito a presentare proposte nell’ambito del programma di lavoro «Persone» del Settimo programma quadro di azioni comunitarie di ricerca, sviluppo tecnologico e dimostrazione

Si sollecitano proposte per l’invito specificato qui di seguito riguardante la cooperazione transnazionale fra i membri di EURAXESS relativa a temi connessi all'Unione dell'innovazione. Il termine ultimo e lo stanziamento di bilancio sono riportati nell’invito che è pubblicato nel sito web CORDIS.

Programma specifico «Persone»: codice identificativo dell'invito: FP7-PEOPLE-2012-EURAXESS-IU

Per le informazioni sull’invito, il programma di lavoro e le indicazioni destinate ai proponenti sulle modalità per la presentazione delle proposte, consultare il sito web CORDIS:

http://cordis.europa.eu/fp7/calls/
http://eur-lex.europa.eu/LexUriServ/LexUriServ.do?uri=OJ:C:2012:015:0008:0008:IT:PDF

Scade il 18 aprile 2012

Area Tematica: Ricerca e Sviluppo

Inviti a presentare proposte nell’ambito del programma di lavoro «Persone» 2012 del 7° programma quadro di azioni di ricerca, sviluppo tecnologico e dimostrazione (2012/C 74/07)

Titolo dell'invito Codice identificativo dell'invito:

-          Borse di studio intraeuropee  - FP7-PEOPLE-2012-IEF

-          Borse di studio internazionali per ricercatori provenienti dall'estero - FP7-PEOPLE-2012-IIF

-          Borse di studio internazionali per ricercatori che si recano all'estero - FP7-PEOPLE-2012-IOF

Questi inviti a presentare proposte riguardano il programma di lavoro 2012 adottato con decisione C(2011) 5033 della Commissione del 19 luglio 2011.

Per le informazioni sugli inviti, i programmi di lavoro e le indicazioni destinate ai proponenti sulle modalità per la presentazione delle proposte, consultare l’apposito sito web della Commissione europea:

http://ec.europa.eu/research/participants/portal/page/people

http://eur-lex.europa.eu/LexUriServ/LexUriServ.do?uri=OJ:C:2012:074:0010:0010:IT:PDF

Scade il 16 agosto 2012

Invito a presentare proposte nell'ambito del programma di lavoro del programma europeo congiunto di ricerca metrologica (EMRP)

Sono sollecitate proposte per l'invito EMRP 2012 nelle seguenti aree tematiche:

  • Metrologia industriale
  • Ambito più ampio del Sistema internazionale di unità di misura (SI)
  • Eccellenza aperta

Il presente invito prevede un processo in due fasi per progetti di ricerca comuni e offre anche la possibilità di assegnare borse di ricerca.

http://www.emrponline.eu/call2012

http://eur-lex.europa.eu/LexUriServ/LexUriServ.do?uri=OJ:C:2012:029:0010:0010:IT:PDF

Scade il 18 marzo e 1 ottobre 2012

Invito a presentare proposte nell'ambito del piano di attuazione dell'Impresa comune «Celle a combustibile e idrogeno»

Si avvertono gli interessati della pubblicazione di un invito a presentare proposte nell’ambito del piano di attuazione annuale 2012 dell’Impresa comune «Celle a combustibile e idrogeno» (FCH JU).

Si sollecitano proposte per il seguente invito: FCH-JU-2012-1

La documentazione relativa all'invito, in cui si precisano le scadenze e la dotazione finanziaria, è disponibile nel seguente sito web:

http://ec.europa.eu/research/participants/portal/page/fp7_callsIT
http://eur-lex.europa.eu/LexUriServ/LexUriServ.do?uri=OJ:C:2012:014:0003:0003:IT:PDF

Scade il 24 maggio 2012

Invito a presentare proposte nell’ambito del programma di lavoro «Idee» 2012 del settimo programma quadro comunitario per la ricerca, lo sviluppo tecnologico e le attività di dimostrazione

The ERC Proof of Concept Grant (Sovvenzione CER per le Prove di Concetto)

http://eur-lex.europa.eu/LexUriServ/LexUriServ.do?uri=OJ:C:2012:029:0011:0011:IT:PDF

Scade il 19 luglio 2012

Area Tematica: Tecnologie dell’informazione e comunicazione

Invito a presentare proposte nell'ambito dei programmi di lavoro del 7 o programma quadro CE di azioni comunitarie di ricerca, sviluppo tecnologico e dimostrazione

Si avvertono gli interessati della pubblicazione di un invito a presentare proposte nell'ambito dei programmi di lavoro del 7 o programma quadro CE di azioni comunitarie di ricerca, sviluppo tecnologico e dimostrazione (2007-2013).

Si sollecitano proposte per l'invito indicato qui di seguito nell'ambito del programma specifico «Cooperazione»: Tecnologie dell’informazione e della comunicazione — FP7-ICT-2011-9.

La documentazione relativa all'invito, ivi comprese le scadenze e lo stanziamento di bilancio, è riportata nell'invito stesso che è pubblicato sul sito

http://ec.europa.eu/research/participants/portal/page/cooperation?callIdentifier=FP7-ICT-2011-9

Scade il 27 aprile 2012

Inviti a presentare proposte a titolo del programma di lavoro per il 2012 del programma di sostegno alla politica in materia di tecnologie dell'informazione e della comunicazione nel quadro del programma quadro per la competitività e l'innovazione (2007-2013).

Si sollecitano proposte per il seguente invito: CIP-ICT PSP-2012-6.

La documentazione relativa all'invito, in cui si precisano il contenuto, le scadenze e la dotazione finanziaria, è disponibile sul sito web dell'ICT PSP:

http://ec.europa.eu/information_society/activities/ict_psp/participating/calls/index_en.htmIT

http://eur-lex.europa.eu/LexUriServ/LexUriServ.do?uri=OJ:C:2012:030:0003:0003:IT:PDF

Scade il 15 maggio 2012

Leggi tutto

Alleanza dei Democratici e dei Liberali


Il Gruppo dell'
Alleanza dei Democratici e dei Liberali è composto di Deputati del Parlamento provenienti da diversi partiti politici degli Stati Membri dell'Unione Europea. Queste delegazioni nazionali mantengono i propri  valori e il loro
modo di fare politica e cooperano insieme al Parlamento Europeo come l'Alleanza dei Democratici e dei Liberali per l'Europa. Condividono valori comuni e una comune visione dell'Europa.

Italia - Italia dei Valori - Lista Di Pietro Rinaldi Niccolò

Slovakia

  • Ľudová strana - Hnutie za demokratické Slovensko - Kozlík Sergej

Lituania

  • Darbo partija - Uspaskich Viktor
  • Lietuvos Respublikos liberalų sąjūdis - Donskis Leonidas

Belgio

  • Mouvement Réformateur - Michel Louis
  • Open Vlaamse Liberalen en Democraten - Verhofstadt Guy

Lussemburgo

  • Parti démocratique - Goerens Charles

Bulgaria

  • Movement for Rights and Freedoms - Hyusmenova Filiz Hakaeva
  • National Movement for Stability and Progress - Parvanova Antonyia

Paesi Bassi

  • Democraten 66 - In 'T Veld Sophia
  • Volkspartij voor Vrijheid en Democratie - Van Baalen Johannes Cornelis

Danimarca

  • Venstre, Danmarks Liberale Parti - Rohde Jens

Regno Unito

  • Liberal Democrats Party - Hall Fiona

Estonia

  • Eesti Keskerakond - Oviir Siiri
  • Eesti Reformierakond - Ojuland Kristiina

Romania

  • Partidul Naţional Liberal - Nicolai Norica

 

Finlandia

  • Suomen Keskusta - Manner Riikka
  • Svenska folkpartiet - Haglund Carl

Spagna

  • Convergència Democràtica de Catalunya - Tremosa I Balcells Ramon
  • Partido Nacionalista Vasco - Bilbao Barandica Izaskun

Francia

  • Mouvement Démocrate - De Sarnez Marielle

Slovenia

  • Liberalna Demokracija Slovenije - Kacin Jelko
  • ZARES-Nova Politika - Vajgl Ivo

Lettonia

  • Latvijas Pirmā Partija/Latvijas Ceļš - Godmanis Ivars

Svezia

  • Centerpartiet - Ek Lena
  • Folkpartiet liberalerna - Schmidt Olle
Leggi tutto

Codice etico dell'Italia dei Valori


1. Il codice etico dell'Italia dei Valori vincola tutti gli iscritti e aderenti non iscritti.


Il codice etico vuole realizzare le condizioni di trasparenza, correttezza e lealtà che l'iscritto e l'aderente non iscritto assumono nei confronti della collettività, del Partito, della politica e delle sue articolazioni elettive, di governo e di rappresentanza.
2. Non possono essere iscritti all'Italia dei Valori coloro che si trovino nelle condizioni di cui all'articolo 1 del codice di autoregolamentazione approvato dalla Commissione parlamentare Antimafia nella seduta del 3 aprile 2007 (trasmessa alle presidenze delle Camere il 3 aprile 2007), cui si rinvia e che si riproduce:


ARTICOLO 1

1. I partiti, le formazioni politiche e le liste civiche che aderiscono alle previsioni del presente codice si impegnano a non presentare come candidati alle elezioni dei consigli provinciali, comunali e circoscrizionali coloro nei cui confronti, alla data di pubblicazione
della convocazione dei comizi elettorali, sia stato emesso decreto che dispone il giudizio, ovvero sia stata emessa misura cautelare personale non annullata in sede di impugnazione, ovvero che si trovino in stato di latitanza o di esecuzione di pene detentive, ovvero che siano stati condannati con sentenza anche non definitiva, allorquando le predette condizioni siano relative a uno dei seguenti delitti:
a) delitti di cui all'articolo 51, comma 3-bis, del codice di procedura penale;
b) estorsione (articolo 629 del codice penale), usura (articolo 644 del codice penale);
c) riciclaggio e impiego di danaro di provenienza illecita (articolo 648-bis e articolo 648-
ter c.p.);
d) trasferimento fraudolento di valori (articolo 12-quinquies della legge 7 agosto 1992, n.
356);
e) omessa comunicazione delle variazioni patrimoniali da parte delle persone sottoposte ad
una misura di prevenzione disposta ai sensi della legge 31 maggio 1965, n. 575, nonché da
parte dei condannati con sentenza definitiva per il delitto previsto dall'articolo 416-bis del
codice penale (articolo 31 della legge 13 settembre 1982,
n. 646);
f) attività organizzate per il traffico illecito di rifiuti (articolo 260 del decreto legislativo 3
aprile 2006, n. 152).
2. I partiti, le formazioni politiche e le liste civiche che aderiscono alle previsioni del presente codice si impegnano, altresì, a non presentare come candidati alle elezioni di cui al comma 1 coloro nei cui confronti, alla data di pubblicazione della convocazione dei
comizi elettorali, ricorra una delle seguenti condizioni:
a) sia stata disposta l'applicazione di misure di prevenzione personali o patrimoniali,
ancorché non definitive, ai sensi della legge 31 maggio 1965, n. 575;
b) siano stati imposti divieti, sospensioni e decadenze ai sensi della legge 27 dicembre 1956,
n. 1423, ovvero della legge 31 maggio 1965, n. 575, così come successivamente modificate
e integrate;
c) siano stati rimossi, sospesi o dichiarati decaduti ai sensi dell'articolo 142 del decreto
legislativo 18 agosto 2000, n. 267.


ARTICOLO 2

1. Il presente codice di autoregolamentazione si applica anche alle nomine di competenza del Sindaco e del Presidente della Provincia".
Non possono altresì essere iscritti coloro che si trovino nelle condizioni di cui al comma che precede anche relativamente ai reati contro l'amministrazione della giustizia, contro la pubblica amministrazione, contro la fede pubblica, contro la vita e l'incolumità personale a
titolo doloso, contro il patrimonio, per i delitti di cui all'articolo 51, commi 3 quater e 3 quinquies del codice di procedura penale, per il delitto di associazione a delinquere, per il delitto di omicidio colposo con violazione delle norme per la prevenzione degli infortuni sul
lavoro.
3. Coloro che si trovino nelle condizioni di cui all'articolo 2, non possono essere candidati alle elezioni europee, nazionali, regionali, provinciali, comunali e circoscrizionali, se sussista la condizione suddetta alla data di pubblicazione della convocazione dei comizi elettorali, né possono assumere incarichi assessoriali.
4. Se la condizione di cui all'articolo 2, si verifica successivamente alla iscrizione all'Italia dei Valori, si decade automaticamente dalla stessa.
5. Se la condizione di cui all'articolo 2, si verifica successivamente alla elezione a componente di enti di cui all'articolo 3, l'eletto si impegna a rassegnare le dimissioni con immediatezza. Analogamente sarà tenuto alle dimissioni, il titolare di incarichi assessoriali.
6. La disciplina prevista negli articoli che precedono, si applica altresì a tutti gli incarichi, di nomina o designazione politica, ricoperti in enti pubblici o a partecipazione pubblica.
7. Gli iscritti che siano indagati per taluno dei reati di cui all'articolo 2 devono comunicare la loro condizione all'Ufficio di Presidenza e sono, con immediatezza, sospesi dalla iscrizione.
8. Gli eletti o designati in enti pubblici elettivi di cui all'articolo 3 nonché chi ricopra gli incarichi di cui all'articolo 6, devono, con immediatezza, comunicare all'Ufficio di Presidenza la loro condizione di indagati per i reati di cui all'articolo 2.
L'Ufficio di Presidenza deciderà, insindacabilmente sulla decadenza, sospensione o revoca dell'incarico nonché sulle dimissioni, dandone comunicazione all'interessato perché proceda al compimento dell'atto di sua spettanza.
9. L'iscritto, l'eletto, l'incaricato o il designato, devono sottoscrivere, per conoscenza ed accettazione, il codice etico dell'Italia dei Valori, di cui è parte integrante il codice di autoregolamentazione approvato dalla Commissione Antimafia nella seduta del 3 aprile
2007.
10. Il codice etico dell'Italia dei Valori, è allegato allo Statuto Nazionale, ed è vincolante per gli iscritti e per gli aderenti, anche se non formalmente iscritti, al Partito.
11. Qualora l'iscritto o l'aderente non iscritto, non adempia alle dimissioni di cui agli articoli 5 e 6 o non provveda a comunicare la sua condizione ostativa all'assunzione di cariche elettive, incarichi per nomina o designazione (articoli 3, 5 e 6), l'Ufficio di Presidenza pronunzia l'espulsione, la decadenza o la sospensione, con provvedimento motivato che tenga conto della gravità della condotta.
La pronunzia di decadenza dell'aderente che ricopre cariche elettive o incarichi per nomina o designazione, comporta l'interruzione del rapporto di rappresentanza dell'IDV nell'ente, cui sarà data comunicazione.
Il provvedimento è, con immediatezza, comunicato all'iscritto o all'aderente non iscritto.
12. L'Ufficio di Presidenza adotta il provvedimento di espulsione, decadenza o sospensione, in tutti gli ulteriori casi in cui ricorrono ragioni di opportunità che rendono evidente l'incompatibilità con l'adesione al Partito o di rappresentanza del Partito.
Il provvedimento è, con immediatezza, comunicato all'iscritto o all'aderente non iscritto.
13. Il codice etico dell'Italia dei Valori, può essere integrato o modificato con provvedimento dell'Ufficio di Presidenza, comunicato all'Esecutivo Nazionale e pubblicato sul sito del Partito.
14. Qualsiasi controversia concernente l'applicazione del codice etico, è di competenza del Collegio Nazionale di Garanzia che procede secondo le norme dello Statuto Nazionale del Partito.

Leggi tutto

Politica antievasione UE, Uggias denuncia lo Scudo Fiscale italiano.

Il Video di cui sopra fa seguito alla denuncia formale, presentata da Giommaria Uggias e dal collega Niccolò Rinaldi, alla Commissione Europea perché si pronunci sulla "illegalità" di una misura messa in atto dal Governo Italiano e che tende, di fatto, a favorire gli evasori e regalare loro un'impunità pressoché assoluta su reati, di evasione ed elusione delle norme fiscali nazionali, commessi da quanti nel tempo hanno esportato all'estero i loro capitali.


Pubblichiamo anche il video

e il testo scritto della denuncia presentata dall'ALDE (IDV) al Parlamento Europeo contro lo Scudo Fiscale:
"Abbiamo sentito il dovere di denunciare il cosiddetto ‘scudo fiscale’ perché rappresenta l'ennesima anomalia italiana, anche rispetto a qualsiasi altra forma di amnistia fiscale presentata in altri paesi. Nella denuncia formale nei confronti della Repubblica italiana, sottoscritta da Luigi de Magistris e depositato dall'avvocato Giuseppe Giacomini presso la Commissione europea, affermiamo che il cosiddetto 'scudo fiscale' è incompatibile con le norme Ue sull'Iva, sul riciclaggio del denaro sporco e sugli aiuti di Stato. Lo scudo, infatti, permette l'evasione fiscale colpendo direttamente le risorse proprie con cui si finanzia l'Ue, favorisce aiuti di Stato mascherati e, attraverso l'anonimato, copre di non-punibilità reati come il riciclaggio. Dopo l’approvazione del provvedimento, con cui si legalizzano le attività finanziarie e patrimoniali detenute fuori dal territorio dello Stato italiano mediante il pagamento del 5% delle somme reimportate, avevamo già presentato un'interrogazione parlamentare chiedendo alla Commissione Ue di rispondere su alcuni quesiti:
1) se la norma e, in particolare la garanzia di anonimato, possa incidere negativamente e ledere i sistemi fiscali degli altri stati membri;
2) se la norma sia conforme alla normativa dell’Ue e ai principi generali dell´ordinamento nella parte in cui consente la possibilità di "comprare" l´impunità penale;
3) se la norma sia lesiva dei diritti fiscali dell´Ue, laddove la sanatoria in questione consente di evadere la quota di compartecipazione alle imposte (IVA);
4) se la garanzia di anonimato possa consentire di introdurre nel mercato finanziario europeo somme frutto di attività illecite.
Per noi lo Stato italiano deve essere lo scudo degli italiani onesti, al contrario di quello voluto dal governo Berlusconi per coprire i furbi. E proprio agli italiani onesti abbiamo pensato nel presentare la denuncia: se le istituzioni europee decreteranno l'illegittimità della sanatoria, infatti, sarà purtroppo la collettività italiana a risponderne finanziariamente e moralmente.
Siamo sicuri che "esiste un giudice a Berlino" e che la Commissione europea, garante dell´applicazione dei Trattati, riconoscerà l'incompatibilità delle scudo con le norme comunitarie."
Giommaria Uggias e Niccolò Rinaldi

Leggi tutto

Trasporto su rotaie: Campagna sicurezza europea

(Strasburgo 6 febbraio 2010). Dopo una serie di eventi (Uggias cita esplicitamente gravi incidenti, compreso l'ultimo grave incidente di Viareggio) che hanno minato le certezze nei trasporti e la sicurezza di tutti i cittadini, Uggias apre il fronte anche a livello europeo per una campagna che punti alla soluzioni dei nodi che impediscono, ancora oggi, di poter circolare senza rischi in un'Italia ed un'Europa che spesso rischiano di restare più ancorati alle esigenze dell'alta velocità e degli interessi economici di mercato che non all'ambiente ed alle esigenze primarie del cittadino e della sua sicurezza.

Leggi tutto

Uggias ed IDV dicono No al Nucleare

(Strasburgo-10 febbraio 2010)-"Signor Presidente, onorevoli colleghi, vorrei motivare il voto sull'emendamento 12 per affermare con chiarezza che l'Italia dei Valori è contraria alla produzione di energia nucleare.

Leggi tutto

Altro...

I miei video Elezioni Europee 2014

gmv

Programma Europee 2014

programma europee2014

 

Newsletter

Le ultime novità direttamente nella tua casella di posta